Come prevenire l'osteoporosi


Combatti l'osteoporosi con il magnesio - Life cloruro di magnesio

Il magnesio è necessario alla crescita e alla mineralizzazione dell'osso. Agendo sulla sintesi e sull'attivazione delle fosfatasi alcaline, delle piroposfatasi dell'ATPasi e sulla formazione del collagene e dei mucopolisaccaridi solforati, attiva l'ossificazione agendo tanto sulla matrice proteica dell'osso quanto sulla sua mineralizzazione, attivondo gli osteoblasti e osteoclasti.
La carenza di magnesio provoca un invecchiamento dell'osso, con rallentamento del turn-over osseo.
Il magnesio è necessario all'assorbimento del calcio, infatti una delle scoperte più importanti nel campo del metabolismo del calcio è stata l'individuazione di un recettore extracellulare sensibile al calcio denominato (CaR) localizzato sulla superfice delle cellule paratiroidee e su quelle della tiroide.
Il CaR rappresenta una entità molecolare essenziale per la regolazione dell'omeostasi sistemica del calcio. Infatti funziona da sensore informando la tiroide e la paratiroide di quanto calcio si trova a livello extracellulare. Se la concentrazione di calcio è elevata, la Paratiroide non secerne il paratormone, mentre la tiroide secerne la Caltinonina necessaria alla fissazione del calcio nelle ossa. Questo recettore a differenza degli altri recettori leganti il calcio è attivato soltanto da una concentrazione ben definita di magnesio.
Questo è un dato acquisito che il magnesio giochi un ruolo importantissimo per quanto riguarda la funzione della ghiandola paratiroidea e della tiroide.


Terapia citofilattica:


Adulti: Per 7 giorni: Assumere una bustina di LIFE a giorni alterni (uno si uno no). Poi assumere una bustina di LIFE ogni giorno per 15 giorni. Continuare la terapia per altri 15 giorni alternati un giorno due bustine e un giorno una. Successivamente si possono assumere due bustine al giorno.


Consigli d'uso: Per diminuire il sapore "amaro" potete sciogliere la bustina in acqua, aggiungendo il succo di un limone e zucchero integrale, di berla velocemente e non a piccoli sorsi e di assumere un bicchiere d'acqua subito dopo. Per un migliore assorbimento si consiglia l'assunzione a stomaco vuoto.


Articoli correlati

[2003] Stendig-Lindberg

[1993] Driessens

Rif. L'iperparatiroidismo nella pratica clinica - Prof. J. Durlach

Rif. Malattie paratiroidee - Prof. M. Luisa Brandi


Link utili